Galleria d'Arte Moderna Aleandri
Home
La Galleria
Artisti
Mostre
Contatti

Nuove Acquisizioni

Iscriviti alla nostra Newsletter

* campo obbligatorio
Sogni e Visioni PDF Stampa E-mail

catalogo_secessioneGrafica europea tra simbolismo e secessione.

a cura di Francesco Parisi ed Emanuele Bardazzi
10 dicembre 2009 - 10 gennaio 2010

 


La Galleria presenta un’importante e raffinata esposizione dedicata alla grafica europea tra Simbolismo e Secessione.

mostra sogni e visioni

L’arte grafica, in particolare l’incisione, ha avuto un momento di felice sviluppo proprio durante gli anni che videro nascere le secessioni in tutta Europa, da Roma a Vienna, da Praga a Berlino. Questa mostra è dunque la rara occasione per vedere raccolte assieme una selezione di importanti opere realizzate tra 800 e 900 che offrono una panoramica completa dello sviluppo della grafica simbolista in Italia e in Europa.

In mostra - oltre agli italiani Duilio Cambellotti, Adolfo De Carolis, Giulio Aristide Sartorio (solo per citarne alcuni) - incisioni e disegni di Edvard Munch, Fernand Khnopff, Félicien Rops,  Kolo Moser, Sigmund Lipinsky, Otto Greiner, Franz Von Stuck, Max Klinger, Rudolf Jettmar, molti dei quali, come ricorda lo storico dell’incisione Emanuele Bardazzi nell’esaustivo saggio introduttivo in catalogo, “soggiornarono o addirittura vissero nel nostro paese scegliendolo come seconda patria, ultime maglie di una lunga catena di nordici che, a partire da Goethe, avevano cercato nel mondo mediterraneo gli ultimi riverberi di un’ arcadia ideale”.
Ancora una volta, dopo i successi delle esposizioni dedicate all’incisione italiana fra 800 e 900 e ai disegni di Duilio Cambellotti, fino alle rassegne dedicate ad importanti incisori contemporanei, la Galleria Simone Aleandri Arte Moderna si pone ancora una volta come un importante punto di riferimento per la ricerca ed il collezionismo della grafica in Italia.mostra sogni e visioni

Il catalogo edito dalle Edizioni Officine Vereia con la consueta cura editoriale è arricchito dal citato saggio di Emanuele Bardazzi e dalle schede ragionate delle opere a cura di Francesco Parisi con un ricco corredo di apparati iconografici e scientifici.