Galleria d'Arte Moderna Aleandri
Home
La Galleria
Contatti

Iscriviti alla nostra Newsletter

* campo obbligatorio
PDF Stampa E-mail
MASSIMO LUCCIOLI
Depositi piovani

Inaugurazione, giovedì 9 giugno, dalle ore 18:30 alle 24:00

da venerdì 10 giugno a sabato 16 luglio
ore 10.30-13.00  18:30-23:30
domenica e lunedì chiuso

massimo_luccioli_aGiovedì 9 giugno dalle ore 18.30 alle ore 23.30 apre la mostra Massimo Luccioli, Depositi piovani presso i nostri spazi espositivi in piazza Costaguti 12 a Roma. Massimo Luccioli nasce e si forma a Tarquinia nella cerchia di  Sebastian Matta e del Cenacolo-Officina Etruscu Ludens (creato dal surrealista assieme  agli artisti-artigiani dell’antica città etrusca). L’artista, a seguito delle suggestioni evocate dal maestro cileno, si iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Roma dove seguì le lezioni di Alberto Ziveri. Il colto ed elaborato percorso di Luccioli, fra i più interessanti in Italia nell’ambito della scultura ceramica, si annoda a tre elementi formativi come assi di un piano cartesiano: la lavorazione dell’argilla, l’approccio pittorico della scultura e la sua personale ricerca attinta dal canestro dell’arte automatica surrealista.
Per ciò che riguarda l’elemento tecnico Luccioli ha mediato la cottura a bucchero e a riduzione di ossigeno appresa attraverso lo studio delle antiche tecniche etrusche, un interesse storico e artistico che negli anni settanta del secolo scorso si affermava a Tarquinia come vera tradizione cittadina.
massimo_luccioli_bChe la pittura sia tra le fonti non secondarie del suo modellato è confermato dalle attente parole del curatore della mostra Mario Finazzi: «Le sculture di terracotta – o forse dovremmo dirle «pitture» di terracotta – esposte in mostra, portano avanti la ricerca percorsa dall’artista nel corso degli ultimi quarant’anni, utilizzando linguaggi diversi. Pitture perché si tratta di sculture contraddette, costrette a parlare il linguaggio della bidimensionalità, del gesto pittorico, di una materia più vicina agli spessori dell’olio che non alla solidità stereometrica delle sculture a tutto tondo o dei bassorilievi».
Luccioli compone e modella ma concede alla materia uno spazio sufficiente per reagire, in margini di autonomia, con fratture e cracklé, traumi con un peso compositivo e formale non minore a quello degli elementi meditati ed apposti di proposito. L’artista opera la cottura a riduzione di ossigeno per far virare i toni della terracotta su cromatismi sorprendenti e inusuali, il più delle volte non replicabili in eguale misura. Fragili per la natura della materia le opere esposte trasmettono comunque una rara e vibratile potenza, un senso di unicità che in scultura è piuttosto inusuale.
massimo_luccioli_cIl catalogo, con la consueta cura editoriale che contraddistingue la Galleria, è arricchito da un approfondimento di Francesco Paolo Del Re sul tema poco noto degli Etruscu Ludens e del rapporto che gli artisti tarquinesi ebbero con Matta. Una doppia intervista a Nino Calandrini e allo stesso Luccioli ripercorre gli anni del cenacolo, e ne emerge un contesto estremamente vivo e pulsante, che riaffiora nelle opere in mostra, dopo aver lungamente decantato, al massimo della sua intensità.
Oltre al nutrito nucleo di pannelli e sculture in terracotta, saranno fruibili in mostra otto grandi acquarelli monotonali sulle tinte del turchese o della terra rossa in cui, similmente ai lavori in argilla, da campiture di colore a guazzo emergono volti casuali, a volte inquietanti, a volte grotteschi.
Il titolo, Depositi piovani, si riferisce alle pozze d’acqua dei terreni ricchi di ossidi ferrici in cui l’artista attinge la preziosa ocra rossa, indispensabile per gli antichi processi di lavorazione della terracotta